S.N.A.G Confcommercio -  Via San Sisto, 3 20123 Milano -Telefono - 02-87.87.00 - 02-80.56.704 - fax 02-89.00.005  

Descrizione immagine
Descrizione immagine
Bookmark and Share

5-11-2018


Una nuova F.I.E.G.



Prendo spunto dall'ultima circolare dello SNAG Nazionale in merito all’incontro tenutosi in data 31 ottobre in FIEG. All' ordine  del giorno la discussione in merito al rinnovo dell’Accordo Nazionale.



Oltre alla lettura del testo vi invitiamo a considerazioni in merito alle attività svolte da questa “Nuova FIEG” negli ultimi mesi  e gli scenari che ci si stanno ponendo di fronte.



Non bisogna poi dimenticare che il nuovo presidente FIEG e con lui il suo gruppo editoriale, sono dei liberalizzatori totali del mercato editoriale


Nessun paletto nessuna regola si venda ovunque e in qualsiasi maniera.



Abbiamo così una FIEG che accelera e lavora per costruirsi un' identità. Questo non vuol dire che lavori con la rete commerciale e che noi si possa diventare parte di questa identità.


Abbiamo  un protocollo ANCI, visto in maniera negativa un po' da tutti più perchè un' Associazione che non si è dimostrata attenta per anni, ora si arroga il diritto a rappresentare una rete- Il contenuto del protocollo quindi passa in secondo piano ma biosgna anche farsi delle domande sulla mancata condivisione con tutte le sigle sindacali di un testo che tuttosommato serve.


Un protocollo FIEG-ABI, piuttosto fumoso negli obbiettivi ma comunque d’ effetto e da guardare con attenzione visto che…non siamo coinvolti. D’altra parte basta leggere la dichiarazione del  Presidente dell’Abi, Antonio Patuelli  per storcere il naso; “Libera stampa e sua più ampia diffusione rappresentano un esercizio di libertà e di democrazia che va costantemente alimentato e salvaguardato”. 


Gli addetti del settore,NOI edicolanti, in questa dichiarazione vedono solo giornali regalati per aumentare le diffusioni


Di questi giorni sono poi dichiarazioni che dovrebbero essere spiegate meglio vista la loro complessità, dove viene offerta la possibilità ai disoccupati d’Italia di distribuire il prodotto editoriale e gli abbonamenti, a costo zero. 


Senza dimenticare poi che un cavallo di battaglia del Presidente FIEG e la cosiddetta “edicola madre-edicola figlia”.


Diverse sono le attività di questa nuova FIEG e sono portate avanti con la "logica del fare" indipendentemente dalla condivisione o meno, d’altra parte avere un’identità vuol dire proprio questo.


 Qual è la nostra identità? Cosa ci aspettiamo da questa editoria per il futuro? Quale paletto alla nostra imprenditoria siamo disposti ad inventarci in questo mercato liberalizzato?


Sorry no comments to display
* indicates required field
(this will not be published on the website)
(must start with http:// or www.)
maximum characters 157, 157 remaining